Si è svolto a ROMA il
4° CONVEGNO NAZIONALE
del consulente tecnico e del perito.

Importanza del Consulente Tecnico e del Perito nel processo civile e penale.
Le prospettive Europee e la ricaduta sull'economia reale.


venerdì 15 maggio 2009

orario 9,30 - 13,00   /   15,00 - 18,00

Aula OCCORSIO - Tribunale di Roma
Piazzale Clodio




Obiettivi che si intendono raggiungere

    La giornata è ruotata intorno alle proposte che ha illustrato il Segretario Nazionale del Collegio Periti Italiani Arch. Alessio Russo che di seguito riassumiamo.
    E’ evidente che esiste una vera e propria questione della qualità professionale e della trasparenza delle procedure relative ai consulenti e all’area della consulenza. Non sembrano essere più sufficienti, infatti, quali requisiti, la “speciale competenza nella materia, la condotta morale specchiata e l’iscrizione alle rispettive associazioni professionali”. In questo senso emerge la necessità di una riforma sistematica che individui non solo soluzioni normative ma, soprattutto, strumenti concreti da utilizzare quotidianamente che impediscano il ripetersi di disfunzioni e di cattive prassi caratterizzate da scarsa trasparenza, lassismo, mancati controlli, ecc.
    Ciò che emerge in maniera certa dall’esame dell’attuale situazione è che questo settore è in stato di abbandono e per questo sono possibili comportamenti scorretti, modalità differenti di nomina e di controllo, assenza di sanzioni.
    Alcune di queste questioni sono al centro di riflessioni e di proposte legislative in sede italiana e comunitaria. A tale proposito e anche in relazione alle informazioni raccolte, ci sembra opportuno avanzare delle proposte che potrebbero concorrere ad affrontare globalmente l’area della consulenza nel processo e ad approntare modifiche concrete.

Proposta n° 1

    Primo obiettivo è certamente la costituzione di un Ordine Professionale o di un Albo Nazionale della categoria, oppure un sistema di associazioni riconosciute sul tipo di quelle inglesi, strutture che sostituiscono egregiamente il sistema dei nostri Ordini Professionali che in concorrenza fra loro associano consulenti tecnici, garantendo il cittadino sulla loro qualità.
    Con questo sistema sarebbe finalmente riconosciuta anche la professione stessa del Consulente Tecnico. Infatti, la professione del Consulente Tecnico in ambito giudiziario non è una parte della propria professione, qualsiasi essa sia, è da considerarsi una professione! Ha, quindi, la necessità di conoscenze di leggi e procedure ed una propria filosofia ed etica. Doti da affinare incarico dopo incarico.
    Più volte abbiamo dimostrato che una cosa è essere, ad esempio, un buon ingegnere ed un conto è essere un buon consulente tecnico in ingegneria.
    Da specificare, infine, che la proposta di questo ordine, albo o associazioni certificanti non deve far pensare che vi sia spazio per una professione a se stante di consulente tecnico. Tranne rare eccezioni nessun consulente riuscirebbe a trovare da vivere facendo solo il consulente tecnico. Si vuole solo affermare il principio che non esiste professionista che possa pensare di fare il consulente tecnico in una aula di giustizia solo perché laureato.
    Troppi guasti giudiziari sono figli di questa credenza, che oltretutto non ha convincimenti contrari od almeno noi non siamo riusciti a trovarli.
    Non è una professione per risolvere il problema dei giovani laureati sulla pelle del cittadino che chiede giustizia! La selezione e l'aggiornamento, quindi, oltreché necessari potrebbero essere di stimolo alla professionalità di molti periti.

Proposta n° 2

    Secondo obiettivo, la proposta della costituzione di una Consulta delle professioni nella quale inserire i rappresentanti degli Ordini Professionali e noi del Collegio Periti Italiani a rappresentare i consulenti tecnici nelle professioni che non abbiano ordini professionali.

Proposta n° 3

    Si propone di istituire, di concerto tra il Ministero dell'Università ed il Ministero della Giustizia, i seguenti corsi:
a) Corso di Perfezionamento Universitario in Teoria, Tecnica e Deontologia della Consulenza Tecnica a cui potranno accedere i laureati già abilitati per l'iscrizione nei relativi ordini professionali.
b) un corso di diploma universitario, laurea breve, due o tre anni in Teoria, Tecnica e Deontologia della Consulenza Tecnica al quale vi potranno accedere i consulenti tecnici in discipline senza Corsi di Laurea e senza Ordini Professionali. Questi corsi, al contrario di quanto pensavamo negli anni '90, non avranno tanto la finalità di formare i consulenti tecnici, quanto di selezionarli. Selezione non solo eseguita con un esame ma con un vero percorso universitario con continue verifiche.

Proposta n° 4

    Creazione di un tavolo di confronto tra operatori della giustizia (avvocati e magistrati), associazioni di consulenti tecnici e rappresentanti dei cittadini che, insieme al Ministero della Giustizia, prenda in esame i problemi e individui le soluzioni e metta in agenda proposte anche legislative (ma non solo).
    I vantaggi di un tavolo di discussione sono quelli di costruire una visione generale del problema raccogliendo tutti i punti di vista coinvolti. Anche i cittadini - da sempre esclusi nella riforma della giustizia - avrebbero così la possibilità di porre al centro del confronto quegli aspetti che incidono gravemente sull'accesso alla giustizia e sulla effettività della tutela giudiziaria, come i costi, i ritardi e l'indipendenza dei consulenti.

Proposta n° 5

    Una decisa responsabilizzazione dei Consigli giudiziari che sono gli organi preposti al funzionamento e al controllo circa la gestione degli uffici giudiziari. Essi possono rappresentare il luogo fisico dove trovare le soluzioni al livello locale e quindi per ogni ufficio giudiziario per le singole e concrete disfunzioni che si presentano nella quotidianità. I Consigli giudiziari potrebbero, in questo senso, prevedere momenti di verifica da realizzare insieme ai rappresentanti delle associazioni dei consulenti tecnici, ai movimenti dei cittadini e agli operatori, così da apportate modifiche subito senza aspettare - quando non è necessario - cambiamenti legislativi che hanno tempi lunghi e complicazioni proprie.
    Alcune sperimentazioni sono state già fatte in alcune sedi giudiziarie - come a Roma - riguardo alle carenze organizzative degli uffici copie.
 
Proposta n° 6

    Una ultima proposta può essere quella di costituire all’interno del Ministero della Giustizia una commissione sui consulenti tecnici.
    Il Ministro Biondi nel 1994 arrivò a preparare il decreto di formazione di una commissione di 12 membri tra i quali magistrati, avvocati, funzionari del Ministero e 4 membri proposti da noi del Collegio Periti Italiani. Purtroppo il giorno prima della firma del decreto di costituzione cadde il governo e tutti i successivi governi non hanno più voluto affrontare il problema.
 
 


indietro

 

  Segui questo link per scoprire come iscriverti al C.P.I.

 inviate richieste, commenti, suggerimenti a:     info@collegioperiti.it

Torna alla Home page

Home page dei nostri corsi        i nostri corsi specialistici     AGENDA

 
CALENDARIO DEI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO

 
Il Collegio ha organizzato               Home Page dei prossimi avvenimenti